Le tradizionali visite guidate a Casa Petrarca e nel Borgo di Quarto Cagnino di PeriferiArtMi

Anche per il mese di marzo, nell’ambito delle iniziative di “PeriferiArtMi – antichi Borghi e nuovi Quartieri della periferia”, con il patrocinio del Comune di Milano – il CSA Petrarca Onlus ha organizzato venerdì 15 marzo una visita guidata nel suo sito, Casa Petrarca di Linterno, e domenica 17 marzo una passeggiata nei luoghi storici simbolo dell’antico Borgo di Quarto Cagnino.

Come sempre il pubblico ha dimostrato grande interesse e grande ammirazione nell’esplorare le stanze della dimora Petrarchesca, il cui nucleo antico, impreziosito dagli affreschi viscontei del 1300, resta la testimonianza originale più genuina del nostro grande Umanista. Un’occasione per affrontare più tematiche che rendono Casa Petrarca una Perla milanese esclusiva: l’epopea delle Crociate del XII-XIII secolo; le testimonianze rarissime della saga dei Visconti, con la lotta per la vita o per la morte tra “il Conte di Virtù” (Gian Galeazzo) e “il Diavolo” (Bernabò), oltre all’immensa figura del nostro amico Francesco Petrarca (una delle Tre Corone della lingua italiana) con la nascita dell’Umanesimo….e poi i Fedeli d’Amore. Un universo tutto da scoprire.

Commissione Cultura del Municipio 7 a Casa Petrarca

Giovedì 14 marzo 2024, CSA Petrarca Onlus ha ospitato la Commissione Cultura e Valorizzazione del territorio del Municipio 7, una delegazione guidata dal suo Presidente Andrea Bonetti e dall’Assessore alla Cultura Municipio 7 Manuel Sciurba
La visita era divisa in due momenti: la prima parte per spiegare le peculiarità di Casa Petrarca, la seconda per puntualizzare le criticità.

Tutti hanno ascoltato con molto interesse le spiegazioni del nostro Presidente, che hanno affascinato l’intero team in gran parte ignaro del potenziale culturale della dimora petrarchesca.
Davanti al porticato, all’ingresso di Casa Petrarca, i nostri ospiti hanno ammirato il simbolo del Municipio 7, i capitelli altomedievali di origine monastica, posti sulle colonne che sostengono le stanze superiori del nucleo petrarchesco. Lo stupore e ammirazione hanno raggiunto il massimo livello quando i nostri ospiti si sono trovati di fronte alla parete delle imprese viscontee, ideata da Francesco Petrarca, al crocevia delle stanze abitate dal sommo poeta dal 1353 al 1361; parete di inestimabile valore, in fase di accurato restauro a cura della restauratrice Laura Tosi e autofinanziato da CSA Petrarca Onlus.
Tutti i presenti hanno ravvisato l’enorme importanza di tali affreschi esprimendo ammirazione e stima per l’operato della nostra associazione che si prodiga nel salvaguardare questo bene prezioso. Massimo de Rigo ha proiettato il servizio televisivo sul cantiere di Casa Petrarca, girato e trasmesso due volte recentemente da Rai3.

La seconda parte del sopralluogo verteva sulle criticità di cui soffre Casa Petrarca e di conseguenza la nostra Associazione, che ha in concessione onerosa il prezioso bene. 
In sintesi questi i fattori che impediscono al Monumento Vincolato di avere il giusto ritorno di immagine e consensi: 1. Mancanza di visibilità (cartello turistico progettato da CSA Petrarca e citofono) oltre a una viabilistica disordinata non rispettosa del monumento 2. Insistenza – da parte di un gruppo ben definito che agisce con finalità ostili – nell’informazioni scorretta sulla dimora petrarchesca, con ingenti danni sia economici che di immagine per la nostra Associazione.3. Infine, l’affitto è un onere molto pesante per la nostra Associazione che non ha fini di lucro.

Un grazie ad Andrea Bonetti, Manuel Sciurba, a Lucrezia Ferrero e ai nostri volontari che, con passione e competenza, valorizzano e fanno conoscere la dimora del Poeta precursore dell’Umanesimo, inestimabile eredità e lascito alle future generazioni.
(Giuseppina Mazzotti e Massimo de Rigo)

Racconto della conferenza Le Tre Corone, l’ultimo viaggio del lor cammin di vita verso l’eternità

Nell’ambito della Rassegna “Medioevo da riscoprire” e delle iniziative per ricordare il 650° anniversario della morte del sommo Poeta e umanista – CSA Petrarca Onlus ha organizzato l’incontro culturale “Le Tre Corone. L’ultimo viaggio del lor cammin di vita verso l’Eternità”.

Nella dimora più amata da Francesco Petrarca si è svolta la terza conferenza del dottor Aquile Campiotti, medico specialista, esperto in medicina naturale olistica, con un argomento inedito: le malattie che portarono al decesso Dante, Petrarca e Boccaccio. Durante l’Età di Mezzo si moriva a causa di patologie, che hanno afflitto anche le Tre Corone, e per le quali oggi abbiamo prevenzione e terapie che possono tutelarci.

“I tre grandi poeti muoiono e non muoiono perché rimangono nella memoria” così inizia l’intervento Aquilele Campiotti.

“Chissà se Petrarca avesse conosciuto le attuali terapie” così si accomiata il Presidente CSA Petrarca dal nostro pubblico. Il tema in argomento tocca una materia – le patologie – che purtroppo abbiamo vissuto nella nostra epoca con recenti analogie. Nel Medioevo si moriva però molto più frequentemente, affliggendo anche eminenti personalità, come gli interpreti del nostro incontro culturale, le Tre Corone, antesignani degli albori rinascimentali.

Invito alla conferenza “Monteverdi. I Madrigali su testo di Petrarca”

Nel 650° anniversario della morte di Petrarca, incontriamo Claudio Monteverdi, uno degli innovatori del linguaggio musicale.

Sabato 23 marzo 2024 dalle ore 15:30

In campo musicale il madrigale è una composizione vocale a carattere polifonico, che nasce in Italia e si sviluppa tra il ‘300 e il ‘600. I testi poetici messi in musica alle volte sono originali, spesso sono componimenti scritti in precedenza. L’incontro ha come obiettivo di fornire una guida all’ascolto di queste opere tenendo conto della nuova impostazione estetico-musicale ideata proprio da Monteverdi. Si suddivide in una parte introduttiva teorica e in un successivo ascolto mediante utilizzo di CD.

La presentazione dell’esperta Tatiana Bertolini avviene nell’esclusivo spazio di Casa Petrarca che conserva la parete delle imprese viscontee legata al Poeta 

Tatiana Bertolini Laureata in storia della Musica a C’a Foscari, ha collaborato con riviste specializzate, negli ultimi due anni ha partecipato al progetto Prima della Pirma attraverso incontri nelle biblioteche comunali in cui ha illustrato l’opera che ha inaugurato la stagione Scaligera. Ha pubblicato un piccolo saggio sull’opera russa, con attenzione ai lavori tratti da scritti di Puskin.

Incontro culturale con

Tatiana Bertolini

Esperta in storia della Musica

Saluto e introduzione di

Massimo de Rigo

Presidente CSA Petrarca Onlus

Conferenza “Le Tre Corone: l’ultimo viaggio del lor cammin di vita verso l’Eternità”

Nell’ambito della Rassegna “Medioevo da riscoprire” e delle iniziative per ricordare il 650° anniversario della morte del sommo Poeta e umanista, CSA Petrarca Onlus organizza l’incontro culturale “Le Tre Corone. L’ultimo viaggio del lor cammin di vita verso l’Eternità” nella dimora milanese del sommo Poeta, Casa Petrarca di Linterno.

Sabato 16 marzo 2024 dalle ore 15:30

Il tema in argomento tocca una materia – le patologie – che purtroppo abbiamo vissuto nella nostra epoca con recenti analogie. Nel Medioevo si moriva però molto più frequentemente, affliggendo anche eminenti personalità, come gli interpreti del nostro incontro culturale, le Tre Corone, antesignani degli albori rinascimentali.

Saluto e presentazione  Massimo de Rigo Presidente CSA Petrarca Onlus

Relatore  Aquilele Campiotti

Medico specialista, esperto in medicina naturale olistica   

Ingresso a offerta libera con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento di posti: info@csapetrarca.it 339 4448574 . http://csapetrarca.it/ . ATM 49, 67, 78 (Misure anti-Covid)

Il racconto del Salotto letterario del 7 marzo

Ancora un ottimo riscontro di pubblico per il nuovo appuntamento dei Caffè con Petrarca tenutosi lo scorso giovedì 7 marzo a Casa Petrarca da Liudda Campese, studiosa delle ‘Tre Corone’ della lingua italiana, la quale con passione e competenza ha descritto Petrarca, poeta di raffinato stile e musicalità. Petrarca e Boccaccio: due personalità innovatrici nell’ambito letterario. La novella italiana tra fortune e sfortune dal tardo ‘300 al primo ‘500.

Calendario eventi CSA Petrarca primo semestre 2024

Riscoprire Francesco Petrarca nel 650° della morte.
Allo scopo di onorare il ricordo del nostro nume tutelare nel 650° (1374 -2024) CSA Petrarca Onlus ha studiato un logo originale (Logo 650°) che accompagnerà tutti gli eventi di quest’anno.

Tutti gli eventi (primo semestre) saranno accumunati dal tema del 650° anno di Petrarca secondo questa programmazione:

  • 28 gennaio: Presentazione libro “Myriam di Magdala” di Maria Maffucci
  • 24 febbraio: Conferenza “Il mondo dei Celti”
  • 7 marzo: Salotto letterario “Omaggio a Petrarca” a cura di Liudda Campese
  • 16 marzo: Conferenza “Le 3 Corone: l’ultimo viaggio verso l’eternità” del dott. Aquilele Campiotti
  • 23 marzo: “Progetto Monteverdi” (Petrarca in musica) a cura della Prof.ssa Tania Bartolini
  • 2 aprile: Corso di Scrittura creativa – 9 incontri di 90 minuti a cura di Ezio Gavazzeni, ogni martedi dal 2 aprile, ore 18/19.30
  • 14 aprile: Conferenza “De vulgari eloquentia” cura del prof. Franco Sanna
  • aprile: Inaugurazione parete delle imprese viscontee restaurata
  • aprile/maggio evento a Casa Petrarca del prof. Marco Petoletti (Università Cattolica) a Casa Petrarca
  • fine maggio: “Corteo Storico Medievale” della sms Benedetto Marcello
  • fine maggio/primi giugno: “Lusiroeula” passeggiata notturna nel Parco delle Cave (nei delitiosi passeggi di Petrarca)
  • primi giugno: “Lusiroeula al Bosco” passeggiata notturna nel Boscoincittà
  • tutti i venerdì sera (terza settimana del mese) visita guidata a Casa Petrarca
  • tutti le domeniche mattina (terza settimana del mese) visita guidata al Borgo antico di Quarto Cagnino

Nella sezione EVENTI del nostro sito pubblicheremo via via le locandine.
In prossimità di ogni evento vi daremo tutte le informazioni dettagliate qui sul sito e sui nostri canali social.

Sopralluogo della Soprintendenza al cantiere di restauro di Casa Petrarca

Lo scorso 29 febbraio CSA Petrarca Onlus ha ospitato, nello spazio petrarchesco in sua Concessione a Villa Linterno, la Dott.ssa Laura Paola Gnaccolini – Responsabile Area funzionale Patrimonio storico artistico – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Milano.

La visita rientrava nell’ambito del sopralluogo programmato nel cantiere di restauro che dal Novembre 2023 è in corso d’opera in una delle stanze della dimora petrarchesca: lavori resisi indispensabili per la preservazione degli affreschi di epoca viscontea (metà XIV sec.) sulle pareti della stessa. Alla presenza della restauratrice Laura Tosi, che sta operando su nostro incarico in tale attività, la dott.ssa Gnaccolini, ha comunicato la sua approvazione per il restauro in corso.

La Dott.ssa Gnaccolini ha mostrato anche grande interesse verso due cavità centrali (poste ciascuna in due stanze diverse, di cui una interessata al restauro), anch’esse affrescate e presumibilmente utilizzate in epoca medievale per contenere lucerne o lanterne, con ancora ben visibili tracce di fuliggine. Con l’occasione le sono stati mostrati i tre pannelli bilingue (italiano/inglese) che all’ingresso della sala conferenze aiutano il visitatore a meglio documentarsi sulla storia e le potenzialità della dimora.

Massimo de Rigo, Presidente del CSA Petrarca, che ha condotto l’intero svolgimento della visita unitamente alla restauratrice, ha sottolineato l’enorme sacrificio che i volontari dell’Associazione si stanno accollando, autofinanziando interamente il restauro: ciò a causa della mancanza di fondi, di cui tuttora non abbiamo potuto usufruire nonostante i numerosi bandi mirati a cui puntualmente abbiamo partecipato, la ragione più probabile è il clima di scetticismo generato attorno al Monumento nazionale, come se fosse una Perla da nascondere.

Al fine di dare maggiore visibilità all’intera nostra vicenda, la dott.ssa Gnaccolini ha invitato il Presidente a produrre atti riepilogativi che, per il suo tramite, potranno essere inoltrati ad “Arte Lombarda”, autorevole rivista di Storia dell’Arte, onde divulgare in modo pertinente la conoscenza di Casa Petrarca e dell’intera nostra attività.

Al termine di questa, per noi volontari presenti, coinvolgente esperienza, abbiamo ritenuto di mostrare alla dott.ssa Gnaccolini anche l’altro volto della dimora petrarchesca: all’interno del sito – nell’adiacente Parco delle Cave – attraverso un vetusto, bellissimo portoncino in legno si apre la vista su quelli che il sommo Poeta definì “i delitiosi passeggi”, rimasti all’apparenza immutati nei secoli, da lui tanto amati e celebrati per la sua personale natura solitaria. Abbiamo potuto così evidenziare anche l’aspetto legato alla tutela ambientale della nostra attività, che ci porta a guidare i visitatori, scolaresche comprese, al termine della visita a Casa Petrarca attraverso le antiche aree agresti di questo splendido Parco.

Il racconto della conferenza “Il Mondo dei Celti – Attualità della Spiritualità Celtica”

Il Mondo dei Celti – Attualità della Spiritualità Celtica
Storia, leggenda, continuità nel tempo
Casa Petrarca di Linterno – Sabato 24 Febbraio 2024

Lo straordinario evento è stata una nuova autorevole rassegna di inediti aspetti a integrazione dell’evento il Mondo dei Celti dello scorso anno.

Annemeton, Annalisa Locatelli, docente e divulgatrice di tradizioni celtiche, praticante attiva della Earth-Based Spirituality, guida di celebrazioni e meditazioni in natura, è partita dalla domanda: “Come possiamo, nell’era attuale, attingere alla saggezza celtica per arricchire la nostra esistenza moderna”?
Ha coinvolto i presenti raccontando il suo viaggio personale e la sua esperienza di contemplazione e studio in natura, riscoprendo l’interesse per il popolo celtico. Il legame indissolubile tra saggezza del nostro passato e l’armonia tra uno stile di vita più lento e semplice portano ad acquisire maggiore consapevolezza di sé e del mondo che abitiamo, integrando anche una dimensione più spirituale.

Una magica, cosmica spiritualità alla cui scoperta ci ha guidato Massimo de Rigo, presidente del CSA Petrarca Onlus, studioso di esegesi storica, ricercatore sulla figura di Francesco Petrarca e della solitudine di Linterno: “Viaggio nel Mondo dei Celti: il popolo dei misteri”.
Molti gli aspetti trattati: le origini, risalenti al 1000 a.C., la loro espansione, le tattiche di guerra, l’assenza di scrittura e di templi, la raffinata oreficeria e la struttura della loro società secondo 3 funzioni: sacerdotale, regale-guerriera, lavorativa. La spiritualità era alla base della vita, ciclo continuo di altre vite. Ai Celti Insubri è attribuita la fondazione di Milano (Medhelan), luogo sacro e punto di congiunzione tra Terra e Cielo: “terra di mezzo”, centro di perfezione. I loro luoghi energetici hanno la costante di essere legati a siti templari.

“I Celti a Milano: gli Insubri di piazza della Scala” è stato presentato da Lucia Zemiti, studiosa di storia medievale e degli ordini monastici cistercense e templare. Il principe celtico Belloveso si unì, nei pressi del Ticino, agli Insubri Golasecchiani; a segnalare questo luogo fu una sorta di cinghiale a pelo folto. Una leggenda? Nel 1233 , a Milano in via Mercanti, si trovò una pietra raffigurante la “scrofa lanuta”, tuttora esistente.
Medhelan, terra sacra di mezzo: il nucleo è di forma ovale, il primo Nemeton. I suoi assi puntano al Resegone (via Manzoni) e al Monte Rosa (via Del Lauro): la nostra città era un paradiso di boschi, radure e fonti. Nel nostro dialetto sono presenti suffisso e radice di parole celtiche. Sembra incredibile quanto di un antico popolo, senza scrittura della propria storia, rimangano usi, costumi, riti e simboli.

Maria Maffucci, studiosa della spiritualità celtica, di Antropologia e di culti antichi, autrice del libro “Myriam di Magdala”, con l’argomento “I Druidi e la Triplicità Celtica”, evidenzia la figura dei Druidi, i sacerdoti dei Celti. Uomini o donne di grande sapienza, connessi alla natura e al cosmo le cui parole erano legge. I sacerdoti celtici si dividevano in: Druidi, Bardi e Vati e la loro dottrina era tramandata a memoria.
Non era la loro religione a minacciare i Romani, politeisti e pagani, ma l’influenza politica che i Druidi detenevano sulle tribù. La triplice dea impersonava i 3 aspetti della Dea Madre che rappresentavano il ciclo dell’esistenza: nascita, maturazione e morte che si riproducono all’infinito in un cerchio continuo. I Romani, distruggendo il potere dei Druidi, hanno distrutto l’intera società celtica ma non i principi morali di un popolo che aveva un enorme rispetto per la natura e per la vita umana.

La brava Laura Viganò ha intercalato gli interventi con le sue letture recitate: Invocazione per la buona fortuna, la poesia preghiera celtica e la poesia del Druido Amergin.

Stefano Crippa ha deliziato i presenti battendo tocchi magistrali sul tamburo celtico.

Un evento memorabile, terminato molto oltre l’orario e che ha visto una presenza massima di spettatori entusiasti e affascinati…complice , come sempre, l’aura nobile che si irradia da Casa Petrarca.
Giuseppina Mazzotti