Croce e Spada. Gli ordini religiosi cavallereschi

Sabato 14 ottobre ore 15.30

Sala conferenza Pro Loco – Abbazia di Morimondo – Via Fratelli Attilio

Per il sesto anno si rinnova, sabato 14 ottobre 2017 alle ore 15,30, a Morimondo l’incontro di argomento templare, promosso dal CSA Petrarca Onlus, dall’Associazione Viriditas, Fondazione per leggere e il Comune di Morimondo. Quest’anno il titolo del convegno ha come suggestivo ed intrigante titolo: Croce e spada. Gli ordini religiosi cavallereschi. Le tre relazioni quest’anno saranno: “Seborga-Morimondo, la connessione templare” di Lucia Zémiti; “Gli altri cavalieri” di Roberto Gariboldi e “I monaci cavalieri a Milano” di Massimo de Rigo.

Lucia Zèmiti

Seborga-Morimondo, la connessione templare

Per secoli un simbolo inciso nella pietra del monastero di Morimondo è rimasto indecifrato. La scoperta dello stesso simbolo nello stemma della città ligure di Seborga apre nuove supposizioni sul legame Templare con l’abbazia.

 

Roberto Gariboldi

Gli altri cavalieri

L’intervento ripercorrerà la storia degli ordini religiosi militari ad esclusione dei Templari, quindi ci occuperemo dei Cavalieri di Malta, dei Teutonici, dei Cavalieri di san Lazzaro ed altri minori, ma non ci limiteremo agli ordini sorti in Terra Santa, si parlerà anche di ordini sorti in Spagna, Portogallo, Italia e in altre nazioni, fondati per la difesa della Cristianità. Si tratta di un’epopea storica che ha coinvolto migliaia di persone spinte da alti ideali a cui erano disposti a sacrificare la vita. Sarà una rapida carrellata, con l’invito di approfondire un argomento su cui perdura mancanza di onestà di esposizione.

Massimo de Rigo

I monaci cavalieri a Milano

La relazione approfondisce i due più antichi ordini religiosi militari, gli Ospitalieri di Gerusalemme o Gerosolimitani e i monaci cavalieri Templari, che compaiono in Milano con le proprie case o Commende, fin dalla metà del XII secolo, subito dopo la loro fondazione. Viene descritto anche l’Ordine di San Lazzaro o dei Lebbrosi che si stanzia su quello che è l’attuale Corso di Porta Romana. Scopriremo antiche vestigia dei monaci cavalieri che sopravvivono nei “Corpi Santi” di Porta Vercellina.

Come ogni anni gli argomenti sono di grande interesse e preannunciano un convegno di tutto rispetto, da parte nostra ci auguriamo due cose: la consueta affluenza di pubblico e che finalmente si riesca trovare uno sponsor che permetta la possibilità di stampare gli atti di questi sei anni di lavoro e di studio, la pubblicazione di questi garantirebbe così la conservazione di quanto detto nei precedenti convegni.

Vi aspettiamo numerosi e non mancate di invitare amici e conoscenti.

facebooktwitterfacebooktwitterby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.